Conti di Base

l Conto di Base è stato introdotto dal Governo Monti con il Decreto “Salva Italia” per favorire l’accesso ai servizi bancari da parte di parte di tutti i Consumatori. Il Conto ha le caratteristiche previste dalla Convenzione stipulata tra Ministero dell'Economia e delle Finanze, la Banca d'Italia, l'Associazione Bancaria Italiana (ABI), Poste Italiane e l'Associazione Italiana Istituti di pagamento e di moneta elettronica (A.I.I.P.).

Sono inclusi nell’offerta, a fronte di un canone annuale omnicomprensivo, un numero adeguato di servizi e operazioni, compresa la disponibilità di una carta di debito. E’ un conto ad operatività limitata: non consente l’accesso a tipologie di servizi diverse da quelli stabiliti e, in particolare, sono esclusi il carnet assegni, la carta di credito, l’accesso a forme di finanziamento e deposito titoli per investimento. Le giacenze del conto di base non sono remunerate ed è senza spese ed esente in modo assoluto dall'imposta di bollo per i consumatori il cui Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) in corso di validità è inferiore a 7.500 euro. Il mantenimento dell’agevolazione è subordinato alla presentazione di una attestazione annuale, entro il 1° marzo di ogni anno.


Il Conto di Base BPP a fronte di un canone annuo minimo, comprende tutte le operazioni disciplinate dalla Convenzione ABI-MEF. 
>> Scopri di più


Il Conto di Base ISEE è costruito in modo semplice ed è dedicato a chi non può sostenere le normali spese di gestione di un conto classico (Convenzione ABI-MEF). 
>> Scopri di più


Il Conto di Base Pensionati è il conto destinato a gestire principalmente l'incasso della pensione e i pagamenti con carta Pagobancomat (Convenzione ABI-MEF). 
>> Scopri di più


 
Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali dei prodotti illustrati e per quanto non espressamente indicato, è necessario fare riferimento ai Fogli Informativi disponibili in tutte le Filiali anche su supporto cartaceo, e sul sito internet www.bpp.it. La Banca si riserva la valutazione dei requisiti necessari alla concessione e dei massimali di spesa da assegnare alla carta.