Investor Relations
Fondazione
AGENTI
BPP Service

Firma Elettronica Avanzata

Banca Popolare Pugliese offre un servizio di perfezionamento delle operazioni di sportello basato su un'innovativa modalità di sottoscrizione autografa che si qualifica come "Firma Elettronica Avanzata".
 
Questo servizio, grazie all'uso di un Tablet speciale, consente al cliente di visualizzare e leggere il contenuto dell'operazione richiesta e quindi di apporre la propria firma autografa con una speciale pen-drive.
 

Per consultare il documento integrale "La Firma Grafometrica sui documenti bancari" clicca qui.

firma-digitale
Banca Popolare Pugliese, promotrice dello sviluppo economico del Mezzogiorno
Chiusa in dicembre 2020 un’operazione finanziaria di 20 milioni di euro da Exprivia, azienda che si occupa di progettazione e sviluppo di tecnologie innovative e prestazione di servizi IT, da un lato, e dall’altro da SACE e due Istituti di credito del territorio: Banca Popolare Pugliese e Banca Popolare di Puglia e Basilicata
Donazione di due incubatrici al Reparto di Neonatologia di Lecce
Due incubatrici attrezzate per le terapie anti-Covid 19 donate al Reparto di Neonatologia dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce con i fondi raccolti dalla sottoscrizione aperta dalla Fondazione “Banca Popolare Pugliese Giorgio Primiceri”- Onlus.
Nuovo Sito BPP
Banca Popolare Pugliese rinnova il proprio sito web, nei contenuti e nella navigazione, con un nuovo layout. Il sito, rivisto sulla base delle esigenze del cliente, è pienamente adattabile ai diversi formati per smartphone o pc.
Non togliermi il sorriso
Un colonscopio di ultima generazione donato al Reparto di Oncoematologia pediatrica del presidio “SS. Annunziata” di Taranto, del valore di circa 33 mila euro, per implementare l’attuale dotazione strumentale del reparto.
Restauro di due Polittici Veneti del Museo Castromediano
Dopo un lungo ed impegnativo restauro riconsegniamo ai visitatori due delle più importanti opere della collezione del Museo Castromediano. Si tratta dei polittici veneti acquisiti dal Castromediano per il Museo tra il 1872-73, che raccontano l'affermarsi nella nostra regione della cultura figurativa di ambito lagunare.